Macchine per cucire particolari

Ripartiamo con una segnalazione di Virginia, macchine per cucire spaziali con cui non si fanno (solo) vestiti ma si produce arte. Prima qualche esempio di cosa si può fare poi un video dove si capisce meglio di cosa sto parlando. By Meredith Woolnough. Altre immagini e oggetti qui.

Calendar---Stitched-specimens-WEB.jpg

Begonia-Leaf-1-web.jpg

Annunci

Video musicale ferragostano

Ripartiamo con leggerezza con un video musicale ferragostano. Piano-sequenza, Lego e poco altro. Immagino tanta pazienza e tante prove. Tipo “OK go“.

Considerazioni e pausa

Come ogni anno in questo periodo arriva il post autoreferenziale che preannuncia la pausa estiva. Più o meno copiaincollato di anno in anno.

E’ finito l’anno dodicesimo di questo blog.

Qualche numero per capire come stanno le cose.

Scavalcata la soglia dei 3.000 post in 12 anni, a giorni alterni, intorno alle 19, con una pausa estiva di riflessione da sempre. Rilanci dal blog a Twitter, abbandonato Google+ mentre su Facebook ora c’è una pagina apposita che raccoglie i post in tempo reale (vincolo imposto da Facebook più o meno da un anno). Questo ovviamente rende un po’ improbabili tutte le statistiche.

Vado verso i 96.000 click complessivi (per quello che si riesce a capire dalle statistiche) provenienti da 15.500 visitatori distinti, in leggera crescita negli ultimi anni.

Grazie ai lettori fedeli, grazie ai click e ai like qui e sugli altri social, siete una community silenziosa ma costante. Ci sono i fedelissimi e quelli che appaiono e scompaiono.

Anche questa volta non c’è il dubbio se continuare o meno.

Perché ho deciso che vale la pena di passare qualche serata a cercare cose che mi piacciono da mettere su questo blog (e di riflesso sui social).

Perché Internet è troppo piena di gente che urla, di persone che non hanno dubbi ma solo certezze, di esseri che possiedono la verità assoluta, di internauti che urlano le proprie opinioni come se fossero dati di fatto. Io sono in sciopero delle opinioni da tempo, non che non ne abbia ma cerco di esprimerle il meno possibile e, possibilmente, sempre sotto forma di opinioni o di riflessioni argomentate.

Perché il silenzio è complice ma la risposta urlata non è la soluzione. L’informazione, la riflessione o anche solo il momento di quiete che calma gli animi non risolvono il problema ma, secondo me, possono aiutare.

E quindi questo blog cercherà di proporre, a giorni alterni, finché continuerò a trovare materiale, cose che mi piacciono, da guardare/ascoltare e basta.

Per l’odio, il disprezzo, le urla, la rabbia e l’aggressività esistono altri luoghi.

E allora grazie a chi tornerà da queste parti assieme a me dopo la breve pausa estiva.

Perché una volta all’anno disintossicarsi dal digitale andando in mezzo ai monti aiuta.

(immagine ricordo di uno splendido giro in quota con le racchette da neve in Val Ridanna lo scorso inverno)

“Land art” animata

“Land art” molto minimale ma animata. Paul Johnson

Il fascino del rompighiaccio

Chi l’avrebbe mai detto che un rompighiaccio potesse essere affascinante. Mettici un po’ di timelapse, un po’ di drone e, ovviamente, lo scenario dei ghiacci. Immagini suggestive.

Sculture delicatissime

Come si fa a pensare di creare una scultura fatta di semi di “dente di leone” (o tarassaco che dir si voglia)? L’artista giapponese  euglena lo ha fatto. Sculture delicatissime da guardare da vicino, senza soffiare. Altre immagini sul suo sito.

Decorare foglie all’uncinetto

Uncinetto, piccolo punto, cucito, insomma, sono figlio e nipote di sarte ma di queste cose ne capisco poco. Però quello che fa Susanna Bauer  mi piace. Altre immagini nel suo sito.

Video musicale originale

Ogni tanto ci vogliono anche i video musicali, specialmente quando sono originali. Niente effetti speciali, niente di digitale, tutto in camera e in un unico piano sequenza, basterebbero questi elementi per premiare questo piccolo video musicale. (se non ci credete qui c’è il “making of”)

 

Fotografare come-Inception

Sempre difficile trovare titoli e tag per queste serie di fotografie. Diciamo che  Lestnica (che è uno studio di produzione) non spiega come hanno fatto a fare queste fotografie, dice solo che ognuna è costata circa dodici ore di lavoro. Qui altre immagini della serie.

Sculture di carta

Ancora magia con la carta (già viste tante su questo blog). Qui il collettivo americano JUDiTH + ROLFE realizza splendidi fiori ritagliando, piegando e colorando la carta. Altre opere qui.

 

  • Concetti base

  • Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti a questo blog e ricevere i nuovi post tramite email.

    Segui assieme ad altri 1.063 follower

  • Archivi

  • Più letti di recente

  • Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: