Anno dieci (e pausa estiva)

(attenzione, post annuale autoreferenziale più o meno copiaincollato di anno in anno aggiornando i dati)

Dieci anni di blog, che bel numero tondo, è l’anno dei numeri tondi: l’età e il blog (un sesto della mia vita, non poco).

In questi dieci anni ho cambiato lavoro quattro volte, città due volte, si sono laureati entrambi i figli (che ora camminano per la loro strada) e ho finito il secondo giro del mondo avendo superato gli 80.000 chilometri di corsa (e le mie ginocchia mi stanno dicendo che forse è  ora di smettere).

Dieci anni fa, in questi assolati giorni estivi, nasceva questo piccolo blog. Un piccolo blog che è cresciuto come numero di lettori fino ai picchi di aprile 2011 per poi cominciare una lenta discesa. Anche se oramai non si capisce più che significato abbiano le statistiche. Se 20 persone clickano il post su Facebook io vedo un solo accesso (è la cache di Facebook bellezza, fatte varie prove ed è proprio così). Se poi ci mettiamo che per qualche mese, per un errore di configurazione, i rilanci su Facebook li vedevo solo io direi che non è stata un’annata proprio buona per le statistiche. Nell’ultimo anno comunque i numeri sono tornati a crescere, i criteri non sono cambiati per cui direi che siete aumentati voi lettori.

Grazie.

Ringrazio quindi i miei oltre 200 abbonati che si sono iscritti e ricevono i post via mail o tramite WordPress. Quelli per me sono affezionati lettori veri e certificati. Gli altri, secondo WordPress, sono circa 90.000 click in dieci anni, pur se sottostimati non mi sembrano pochi. Una città che è passata di qua in questi dieci anni.

Grazie.

Oltre 2.700 post in dieci anni. Sempre meno cose belle disponibili in rete.

Sempre più faticoso trovare qualcosa di bello da pubblicare intorno alle 19 a giorni alterni.

O forse le cose belle sono sempre più annegate nel mare delle banalità.

O forse sto solo invecchiando e sono diventato troppo esigente. Vecchio brontolone, pronto per diventare “umarel”.

Il post più visto rimane ancora quello sui “gatti rossi” (oltre 10.000 visualizzazioni, grazie Google, non metto il collegamento, è stato un peccato di gioventù). Non ci si può liberare dei gatti, Internet Is Forever. 😦

Dopo la pausa estiva proviamo a continuare, per chi vorrà rimanere all’ascolto.

Annunci

Piccole soddisfazioni

Questi valgono molto di più rispetto a quelli di Faccialibro. Grazie a tutti i miei lettori.

like

Anno nove (e pausa estiva)

(attenzione, post annuale autoreferenziale più o meno copiaincollato di anno in anno aggiornando i dati)

Nove anni di blog, nel frattempo ho cambiato lavoro tre volte, città due volte, si sono laureati entrambi i figli e ho finito il secondo giro del mondo avendo superato gli 80.000 chilometri di corsa.

Nove anni fa, in questi assolati giorni estivi, nasceva questo piccolo blog. Un piccolo blog che è cresciuto come numero di lettori fino ai picchi di aprile 2011 per poi cominciare una lenta discesa. Anche se oramai non si capisce più che significato abbiano le statistiche. Se 20 persone clickano il post su Facebook io vedo un solo accesso (è la cache di Facebook bellezza, fatte varie prove ed è proprio così).

Ringrazio i quasi 200 abbonati (quasi raddoppiati in un anno, wow!) che si sono iscritti e ricevono i post via mail o tramite WordPress. Quelli per me sono affezionati lettori veri e certificati. Gli altri, secondo WordPress, sono circa 87.000 click in nove anni, pur se sottostimati non mi sembrano pochi. Una città che è passata di qua in questi nove anni.

Grazie a tutti.

Oltre 2.500 post in 9 anni. Sempre meno cose belle disponibili in rete.

O forse sono sempre più annegate nel mare delle banalità.

Forse sto solo invecchiando e sono diventato troppo esigente.

Il post più visto rimane ancora quello sui “gatti rossi” (oltre 10.000 visualizzazioni, grazie Google). Non ci si può liberare dei gatti, Internet Is Forever. 😦

Ha chiuso il sito di classifiche “Blogbabel” per cui non so se ho migliorato la mia posizione (7.700esimo blog in Italia per numero di visitatori l’anno scorso).

Dopo la pausa estiva proviamo a continuare.

Parole

Aggiunta al blog una pagina con alcune parole scritte altrove, giusto per avere tutto raccolto in un posto solo. La pagina è qui.

E otto (e pausa estiva)

(attenzione, post annuale autoreferenziale più o meno copiaincollato di anno in anno aggiornando i dati)

Otto anni di blog: esattamente 8 anni oggi 8/8.

Otto anni fa, in questi giorni assolati estivi, nasceva questo piccolo blog. Un piccolo blog che è cresciuto come numero di lettori fino ai picchi di aprile 2011 per poi cominciare una lenta discesa. Anche se oramai non si capisce più che significato abbiano le statistiche. Se 20 persone clickano il post su Facebook io vedo un solo accesso (è la cache di Facebook bellezza, fatte varie prove ed è proprio così).

Ringrazio gli oltre 100 abbonati che si sono iscritti e ricevono i post via mail. Quelli per me sono affezionati lettori veri e certificati. Gli altri, secondo WordPress, sono 85.000 click in otto anni, pur se sottostimati non mi sembrano pochi. Una città che è passata di qua in questi otto anni.

Grazie a tutti.

Quasi 2.400 post in 8 anni, in calo l’ultimo anno, meno tempo per cercare … ma anche sempre meno cose belle disponibili in rete (o forse sono solo sempre più annegate nel mare delle banalità).

Il post più visto rimane ancora quello sui “gatti rossi” (grazie Google). Non ci si può liberare dei gatti, Internet Is Forever.

Sale il numero di accessi che arriva da Google+ (non usa la cache ?) e sto scalando la classifica dei blog italiani come numero di accessi passando dalla 9.400esima posizione dall’anno scorso alla 7.700esima (wow !) del 2015. Ringrazio personalmente il visitatore Polacco e quello di Singapore che si sono affacciati al blog pochi mesi fa.

Giusto per bullarmi un po’ metto anche un paio di badge di wordpress conquistati quest anno.

Dopo la pausa estiva proviamo a continuare.

100 500

E sette

(attenzione, post annuale autoreferenziale)

Sette anni di blog. Esattamente stte anni fa oggi nasceva questo piccolo blog. Un piccolo blog che è cresciuto come numero di lettori fino ai picchi di aprile 2011 per poi cominciare una lenta e inesorabile discesa.

Anche se oramai non si capisce più che significato abbiano le statistiche. Se 20 persone clickano il post su Facebook io vedo un solo accesso (è la cache di Facebook bellezza, fatte varie prove ed è proprio così).

E così non so più in quanti siete a seguirmi (però so che in circa 70 vi siete abbonati al mio blog e ricevete una mail per ogni post, grazie), ma so che il post più visto rimane ancora quello sui “gatti rossi” (grazie Google). Non ci si può liberare dei gatti, Internet Is Forever.

Quasi 2.200 post in 7 anni, sale il numero di accessi che arriva da Google+ (non usa la cache ?) e sono rientrato nella classifica dei primi 10.000 blog italiani come numero di accessi (9.400esimo circa).

Ringrazio personalmente il visitatore Cileno che si è affacciato al blog pochi mesi fa e mi chiedo perché il post sulla “Solitudine del fotografo” (secondo me bellissimo) sia in assoluto il meno visto di tutti (una sola visualizzazione ?).

La parole chiave che hanno portato lettori al blog dai motori di ricerca meriterebbero un’analisi a parte (sociologica, antropologica e psichiatrica ovviamente). Non capisco perché sia arrivato a me quello che cercava “tetteeeeeee” (non se ne vede una nel mio blog !) ma altre frasi di ricerca sono inquietanti.

Proviamo a continuare ?

Pausa estiva

Solita pausa estiva del blog. Per un po’ rimango fuori dalla rete. Vi lascio con un’animazione giapponese molto inquietante. A presto

Piccola pausa del blog

Torno presto

E sei

(attenzione, post autoreferenziale)

Sei anni di blog. Esattamente sei anni fa oggi nasceva questo piccolo blog. Un piccolo blog che è cresciuto come numero di lettori fino ai picchi di aprile 2011 per poi cominciare una lenta e inesorabile discesa. Quasi 190o post in sei anni, uno zoccolo duro di 30-40 lettori giornalieri ma poco altro come si vede dalle statistiche:

statistiche

 

E proprio in questi giorni sono uscito dalla classifica dei primi 10.000 blog italiani, peccato, è stato bello essere il numero 10.000 per un certo periodo.

statistiche

 

Continuiamo ? (lo chiedo ai miei 30 fedelissimi)

2011 in review (creato in automatico da WordPress)

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2011 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

The concert hall at the Syndey Opera House holds 2,700 people. This blog was viewed about 18.000 times in 2011. If it were a concert at Sydney Opera House, it would take about 7 sold-out performances for that many people to see it.

Click here to see the complete report.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: